Dalla tutela del minore alla tutela della relazione genitori-figli: allontanamento perché?

Certe volte mi chiedo se oramai ci siamo abituati alle tragedie, io per primo. Oggi riflettevo chiedendomi se tante storie di bambini sottratti ai loro genitori ci abbiano reso insensibili.

Insensibili. Proprio così, ci stiamo abituando a queste brutture, oramai è diventando quasi normale sentire queste storie e rendermi conto che per quanto mi possa dare da fare tutto continua sempre come prima.

Allora mi sono chiesto perché nella mia Italia che da bambino mi hanno insegnato ad amare, di cui mi hanno raccontato essere madre di uomini che hanno dato la loro vita per un ideale, di uomini che sono stati nel mondo esempi di cultura e di passione, mi chiedo cosa sta succedendo?

Chi siamo diventati se ora accettiamo tanta ingiustizia su degli innocenti, se accettiamo che invece di aiutare le loro famiglie l’unica cosa che sappiamo fare è quella di togliere loro i figli … è come pensare di curare una ferita in un braccio amputando l’arto.

E la cronaca odierna, se ci dà l’informazione ci parla di bambini rinchiusi nei nuovi orfanatrofi, qualcuno un po’ più moderno, qualcuno un po’ più antico, ma pur sempre luoghi dove questi sfortunati figli vivono da soli lontani dai loro genitori, spesso colpevoli solamente di averli amati troppo, si perché è storia recente di madri a cui sono stati tolti i figli perché accusate di essere troppo protettive, di soffocarli con il loro amore!

Mi chiedo quanto amore deve dare una madre o un padre al proprio figlio? Ricordo che da bambino a volte avrei voluto sparire fra le braccia di mia madre, ci sono circostanze e circostanze, momenti particolari della vita in cui un bambino ha bisogno, solo bisogno di essere abbracciato, ha bisogno di sentirsi protetto e amato.

Mi chiedo come si fa a pensare che una casa anonima, un luogo per quanto sia accogliente possa sostituire la propria casa e i propri genitori! A volte mi chiedo se chi ordina simili disposizioni si renda conto di quello che sta facendo o se tutto diventa burocrazia e la sensibilità non abbia più posto nei loro cuori.

Certo i bambini vanno salvati e allontanati da genitori violenti maltrattanti, pedofili, e chi più ne ha più ne metta, ma è sempre così? Tempo fa ho conosciuto una famiglia a cui avevano tolto i figli. Lo stesso tribunale solo sette mesi prima dell’allontanamento aveva decretato che i bambini dovessero vivere con la madre e che il padre potesse continuare a vederli.

Il padre è un dipendente del Ministero della Difesa; il suo colonnello comandante diceva di lui con un attestato di rendimento di servizio:

“Durante il periodo di servizio presso questo comando, ha sempre svolto la propria attività lavorativa con regolarità, impegno, eseguendo quanto richiestogli nei tempi e nelle modalità indicate. Ha dimostrato inoltre, di essere un corretto collaboratore, pacato nei modi, educato e disponibile nei confronti dei colleghi”.

Ho conosciuto anche la casa dove abitano che è dignitosa, pulita e in ordine ed ho letto tutti gli incartamenti giudiziari e, a mio parere, niente poteva far pensare ad un allontanamento dei bambini.
Fra l’altro loro stessi hanno chiesto di tornare dai genitori ma la richiesta non ha sortito effetti ed ora, che io sappia, sono ancora rinchiusi in una comunità senza poter vedere i loro genitori oramai da molti mesi.

Questa la sentenza:

[n.d.r. il Tribunale] P.Q.M.

“Dichiara [I genitori] decaduti dalla responsabilità genitoriale […e ] lo stato di adottabilità dei minori predetti, con l’interruzione, graduale, dei rapporti tra gli stessi, i genitori, ed i rispettivi nuclei familiari […]”

Qualche giorno dopo i Servizi Sociali scrivono:

“Questo ufficio sociale in accordo con la casa famiglia […] stabilisce che a decorrere da martedì 13 dicembre p.v. i minori […] possono incontrare il padre [n.d.r. solo il padre e non la madre] nei seguenti giorni in vista dell’interruzione dei rapporti: Martedì 14 dicembre p.v. dalle ore 16,30 alle ore 17,30 e mercoledì 28 dicembre p.v. dalle 16.00 alle 17.00”.

Immaginate l’ultimo incontro? Potete pensare di vedere i vostri figli un’ultima volta quel giorno e poi mai più? Potete immaginare degli orfani con i genitori ancora in vita? Credo non ci sia bisogno di aggiungere altro. Così è stato. Tutto questo prima che sia finito il contenzioso che potrebbe durare altri anni fino alla sentenza definitiva di Cassazione.

Allora il paradosso quindi ci dice che un bambino, dopo anni che non vede la famiglia, in teoria, potrebbe ritornare a casa, e il tribunale potrebbe dire che non doveva essere allontanato!?
Ovviamente questo non succede quasi mai perché a questo punto la Cassazione decide quasi sempre di allontanare per sempre il bambino dalla famiglia e mandarlo in adozione … sempre nel maggiore interesse del minore!

Questa la motivazione in sintesi: “Dopo anni, come si può togliere un bambino da un ambiente in cui vive da cosi tanto tempo! Oramai la sua famiglia è quella dove vive ora!”

Massimo Rosselli del Turco